- Parrocchia
     - Chiese
     - Santi
     - Sacerdoti
     - Cons. Pastorale
     - Archivio
     - Associazioni
     - Gruppi
     - Collaborazioni
     - Sala Manfredda
     - Orario Messe
     - Contattaci

 - Oratorio

 - Ordini Religiosi


  Ricerca nel sito
 
Web
parrocchiagalliate.it
Ultimo aggiornamento: 11/10/2017
  

 Torna alla lista degli articoli

PERCHE' LE NOSTRE MESSE "SIANO PIU' VERE"

Volgendo al termine l’anno dedicato all’Eucaristia, stimolati dal Sinodo dei Vescovi, vogliamo continuare la catechesi sulla celebrazione della S. Messa per riaffermare quelle conclusioni pratiche che ci aiutano a vivere la nostra vita ecclesiale in modo più evangelico.
 
E’ sempre utile richiamare il nostro ultimo SINODO diocesano che ha già affrontato questo tema, inserendolo nel libro III, dove si riflette sull’Eucaristia.
“Dall’Eucaristia nasce la forza e la “spinta” per la nostra Chiesa a rinnovarsi nelle sue strutture, nella sua azione pastorale e nella sua stessa vita perché il mistero celebrato si manifesti concretamente in frutti di santità, di fedeltà alle chiamate dello Spirito, di testimonianza d’amore a tutti, specialmente ai poveri e agli ammalati; in definitiva di capacità profetica nell’indicare al mondo l’unico suo futuro possibile”.
 
E ancora:
“L’Eucaristia celebrata in verità di spirito impegna i credenti a liberarsi dall’egoismo e dalle chiusure abituali, a mettersi accanto ai poveri, privilegiandoli nell’azione pastorale, ad assumere profeticamente e in ogni campo un ruolo di denuncia sui problemi che determinano la povertà, a lasciarsi coinvolgere nell’impegno politico e sociale  per rimuovere le cause della povertà e dell’ingiusta conflittualità, a creare un tessuto sociale solidale ed aperto per contenere il disagio e proporre reali alternative di vita.”
 
Purtroppo continua il documento sinodale:
 
“Una lunga consuetudine d’atteggiamenti individualistici nella prassi sacramentale ha lasciato senza dubbio il suo segno.”
 
(XX Sinodo Diocesano,
libro III cap. I, 1990)
 
 
Continueremo in modo concreto nella nostra comunità il cammino che ci aiuti a togliere la mentalità della “messa privatizzata”, perché la messa sia “più vera”.
 
E‘ doveroso infatti ricordarci che:
 
Þ nella celebrazione comunitaria dell‘Eucaristia il ricordo per i defunti è esteso a tutti i defunti, anche se poi ciascuno  prega per i propri cari;
 
Þ tuttavia può risultare opportuno segnalare di volta in volta, come intenzione di preghiera comunitaria, il ricordo particolare di persone vive o defunte: non è necessario pronunciarne i nomi e i cognomi a voce alta durante la celebrazione, è sufficiente indicarli negli appositi luoghi delle chiese;
 
Þ è bene ricordare che le offerte elargite dai fedeli  in occasione di messe, altri sacramenti o collette, hanno una triplice finalità:
 
 
1° sovvenire alle molteplici necessità della parrocchia nelle sue persone e nelle sue strutture;
 
2° riprendere lo spirito genuino della chiesa primitiva le cui offerte erano orientate alla carità in favore dei poveri;
 
3° aprirci agli orizzonti  della missione con spirito solidale.
 
Pertanto, per porre segni concreti di una comunità viva, continueremo a realizzare queste scelte:
 
 
a)   i nomi dei defunti saranno pronunciati solo durante i funerali;
 
b)   i legati manterranno il giorno fissato;i “legati conglobati”saranno ricordati al 1° venerdì del mese corrispondente
 
c) le messe, sia nella chiesa parrocchiale che nelle chiese rionali, potranno essere celebrate con più intenzioni e queste saranno esposte nei luoghi appositi;
 
d) gli orari delle messe e di altre celebrazioni potranno essere cambiati per esigenze diocesane, di vicariato o parrocchiali;
 
e) il ricavato delle offerte sarà dedicato a sostenere le necessità della comunità parrocchiale, sviluppare opere di carità in favore dei poveri e diffondere una maggiore apertura allo spirito missionario;
 
f) con quanto corrisponde loro mensilmente per le messe celebrate, i sacerdoti costituiranno una cassa comune e con essa sosterranno alcune micro-realizzazioni che saranno individuate assieme alla comunità (realizzazioni già adempiute es.: Kenia Sr. Aurelia, Nevé-Shalon ragazzi Israeliani-Palestinesi, Comumità Rafael  Montevideo, Alternativa Chuy Uruguay, Togo, case accoglienza…).
 
 
L’amore di Cristo, manifestato in noi nell’Eucaristia, si trasforma così in un gesto d’amore verso i nostri fratelli, per la costruzione del Regno di Dio.
 
 


Torna alla lista degli articoli
Copyright © Parrocchia di Galliate 2005 - Tutti i diritti sono riservati - e-mail:parrocchia.galliate@davide.it
Powered by:  Web Agency, Sviluppo Mobile, Servizi Cloud, Social Marketing